Il Ripasso 18: Pat Metheny Group

Pat Metheny Jaco Pastorius

Metheny e Pastorius

Pat Metheny è il giovane prodigio della chitarra, cresciuto con lo stile raffinato di Wes Montgomery. A 19 anni o poco più si ritrova insieme al talentuoso bassista elettrico e amico fraterno Jaco Pastorius a insegnare nei migliori conservatori musicali degli Stati Uniti. Suonano assieme nell’album di debutto di Pat Metheny e si riuniranno ancora come band di supporto per la tournée “Shadows and Light” di Joni Mitchell,  dove Metheny conosce il pianista Lyle Mays. Dall’incontro dei due nasce il progetto del Pat Metheny Group. Obiettivo: concepire uno stile che sappia far confluire melodia, sperimentazione e sintesi fra generi musicali diversi.

Continua a leggere

Annunci

Il Ripasso 17: Roxy Music

Roxy MusicNon sottovalutati ma fraintesi. Per capire l’estetica dei Roxy Music bisogna comprendere il kitsch, quello consapevole e intelligente. Bryan Ferry, cantante, compositore, frontman e direttore artistico esce dall’accademia di belle arti come Andy MacKay, oboe e sax, e Brian Eno, trascinato dall’amico MacKay nella band per esserne il “sound designer”. Concetti e competenze che ancora adesso non sono contemplate nelle rock band ma che i Roxy Music curano attentamente già nel 1971.

Continua a leggere

Baba Jaga: Mito, Verità, Natura

Ca Colmello

Ca Colmello

Baba Jaga è un’associazione nata da una coppia trasferitasi in un casolare a Sassoleone, nascosto fra le splendide colline sopra Castel San Pietro (BO). Ristrutturato da poco tempo, l’antico casolare è diventato un luogo che ospita attività dedicate a bambini e adulti. Laboratori che vanno dall’insegnamento della manualità alla danza, al teatro, alle arti marziali. Ma è anche una quinta naturale e suggestiva che ospita spettacoli e narrazioni.

Continua a leggere

Il Ripasso 15: Frank Zappa, compositore

Zappa Bambino

Frank Zappa da bambino

Premessa 1: Frank Zappa è ancora un bambino quando si mette ad ascoltare Rhythm and Blues. Ma sarà lo spot di un negozio di dischi in grado di vendere anche l’orrendo disco in sottofondo ad aprire un nuovo mondo musicale al giovane Frank. L’orrendo disco altro non è che Ionisation di Edgard Varese, e passeranno almeno un paio di anni prima che il giovanissimo Frank Zappa ne entri in possesso. La curiosità, motore principale della cultura e della preparazione artistica, travolgerà Zappa che si circonderà di quegli “orrendi dischi”, dedicando nella sua penosa carriera scolastica attenzione solo alla classe di musica (che ritiene comunque inadeguata). Continua a leggere

Il Ripasso 14: Frank Zappa, parte 2

The Man From Utopia

Zappa/Ranxerox nella copertina di Tanino Liberatore per ‘The Man From Utopia’

Frank Zappa produce dischi solo a suo nome. Questa scelta diventa in qualche modo definitiva con l’album ‘Zoot Allures‘, dove non a caso suona quasi tutti gli strumenti eccetto la batteria (affidata al giovane talento Terry Bozzio). Zappa è un musicista maturo e con astuzia e consapevolezza divide la propria produzione fra commerciale e non-convenzionale. La forma pop convive con quella colta e complessa nello stesso disco. Forse è una trappola tesa per avvicinare gli ascoltatori al suo repertorio più ostico.

Continua a leggere

Se la fiaba è stantia…

Romeo Grosso

Romeo Grosso

Alto Music è una azienda che si occupa di management, produzione, booking, insomma di spettacolo in ogni sua forma e rappresentazione. Il suo presidente, Romeo Grosso, nominato direttore del Teatro di Sant’Agata Bolognese, è riuscito a trasformarlo in una tappa per molti artisti nazionali e internazionali, come Gianmaria Testa, Dulce Pontes, Teresa Salgueiro e altri, portando una cittadina dell’hinterland ad essere un centro d’attrazione. Spesso questi concerti sono delle vere première nazionali dei tour degli artisti.

Continua a leggere

Il Ripasso 13: Frank Zappa, parte 1

Frank ZappaFrank Zappa, di mestiere compositore. Si nutre di sigarette e caffè nel seminterrato dove scriverebbe pagine di musica per mesi, in totale solitudine. Oppure si dedicherebbe per giorni e giorni, insonne, a usare strumenti analogici e digitali per registrare, modificare, ricomporre suoni. Questa è stata la vera passione di Frank Zappa, tutto quello per cui ha prodotto dischi pieni di canzoni fra le quali sperava di azzeccare anche qualcosa che potesse piacere al pubblico senza sputtanarsi. 1967. Ha pubblicato appena tre dischi a distanza ravvicinatissima con le Mothers of Invention, il gruppo di cui fa parte e per le quali compone la musica, quando esce il primo disco a suo nome. Lumpy Gravy, due composizioni per lato, collage musicali di cui il primo, Lumpy Gravy part 1, è un capolavoro di postmodernismo in musica. Dal suo “laboratorio musicale” scolpisce nel tempo di 16 minuti circa parti orchestrali con brani elettrici, dischi mandati a 78 giri, conversazioni surreali, surf music. In Lumpy Gravy sussume alcune gemme sparse nei dischi precedenti.

Continua a leggere